Roberto Priori – MRI

Roberto Priori

Nato a Bologna, comincia a suonare la chitarra classica con il Maestro Luciano Brunelli, ma la passione per la musica rock lo porta presto alla prima chitarra elettrica e con alcuni amici fonda un gruppo che, dopo vari cambiamenti, prende il nome di Danger Zone.

In breve tempo si concretizza il primo lavoro in vinile dal titolo “Victim of Time”, da cui viene realizzato il video “I’m waiting for you”, in rotazione su Videomusic.

Dopo aver realizzato una serie di demo tape e concerti in giro per l’Italia, i D.Z. registrano un disco per il mercato americano e vanno a Los Angeles nel 1992.

Dopo poco Roberto Priori, cerca delle opportunità nel mercato americano e riceve dal produttore Jody Gray, con cui aveva lavorato nel disco dei D.Z. una offerta di realizzare musica strumentale per delle sound libraries ad uso radiofonico e televisivo.

Nel 1994 comincia a lavorare come turnista all’Antoniano di Bologna e registra alcune sigle per Raiuno, e partecipa anche nel cd “Tributo ad Augusto” dei Nomadi.

Nel 1995 viene chiamato dagli 883 e immediatamente parte per un tour di 37 date e molte apparizioni televisive. Nel 1996 viene chiamato da Eugenio Finardi per il tour estivo e la registrazione di alcune chitarre nel disco “Occhi”.

Negli anni seguenti il suo lavoro con gli 883 continua incessantemente, culminato con il concerto in Piazza del Duomo a Milano davanti a centomila persone.

Nel 1999 registra il nuovo singolo degli 883 “Viaggio al centro del mondo” e comincia ad insegnare al Music Academy 2000. Diventa il testimonial italiano degli amplificatori Johnson. Nel giugno 2001 ha fatto uscire il suo primo album strumentale dal titolo “Avoid yawed flight”.

Avendo sempre diviso la sua attività di chitarrista e di fonico, dedice di avere uno studio tutto suo e fonda il Pristudio, dove negli anni successivi arriva a produrre, mixare, e masterizzare un centinaio di dischi di vari generi musicali.

Continua la sua attività musicale prima formando i Morphology, con i quali produce due album, con cui ottine un ottimo responso radiofonico. Assieme ai suoi vecchi compagni di avventure riprende il discorso lasciato in sospeso con i Danger Zone e pubblica L’unreleased “Line Of Fire” nel 2011, e nel 2012 un nuovo album dal titolo “Undying”, con la etichetta tedesca “Avenue Of Allies”. Attualmente sta registrando il nuovo album della band, previsto per l’inizio del 2016.

Dal 2014 è docente di tecniche di registrazione per M.M.I. presso il suo Pristudio a Bologna, dove si divide tra produzioni ed insegnamento.